Identità, di nuovo

E niente: l’identità è un concetto che acquisisce significato solo nel conflitto, e ne è indissolubilmente legato.
Pensavo di essere molto più neutro, molto più blando prima di mettermi in contatto con l’universo di blogger internettiani di WordPress.
E invece…

Prima gli integralisti cattolici, incapaci di argomentare e di capire qualsiasi argomentazione che non contenga l’assunto “Dio esiste” (“ed ha la barba e i capelli bianchi, perché lo dice Babbo Natale”, aggiungerei per dare la prospettiva delle capacità logiche).
Se nessuna argomentazione logica è accettata capirete che non è più possibile ragionare come con degli esseri umani, ma solo ringhiare come cani. Io ne ho abbastanza, grazie.

Poi, a riprova che non sono *solo* un mangiapreti, ho scoperto filosofi mussulmani incredibilmente polemici nella condanna al terrorismo.
Certo, è vero che le vittime tra le popolazioni civili di entrambi gli schieramenti in una guerra sono ben più di un danno collaterale: sono una vergogna e una tragedia, quindi non intendo giustificare gli eserciti ‘occidentali’ (se i mussulmani antagonisti possono entrare in questa definizione), ma direi che ogni accenno alle colpe dell’altra parte inevitabilmente giustifica la propria. Quindi, un filosofo (sedicente, a questo punto) mussulmano, che citi le vittime civili delle guerre medio-orientali prima di dare un lievissimo buffetto ai terroristi dell’ISIS secondo me è una bestialità inaccettabile, senza nemmeno contare che il mondo mussulmano ha invece bisogno estremo di gente con testa e conoscenza che abbia il fegato di schierarsi apertamente contro la violenza: gente che sostenga l’idea che l’Islam, come il cristianesimo è una religione di pace e di compassione (vorrei che i miei amici mussulmani, così come gli amici cristiani e cattolici avessero molta più voce di certe minoranze belligeranti).
Bene, la violenza, da entrambe le parti, si condanna senza giri di parole, cari estimatori della taqqiya, e si condanna con fermezza, se si vuole davvero gettare un ponte che unisca le diverse culture per un mondo migliore.
Sennò scornatevi con i cattolici integralisti, possibilmente lasciando gli onesti laici fuori dai vostri giochetti.

Quindi, insomma, come ho già scritto purtroppo non posso più restare in un limbo dopo essere entrato in contatto con idioti conclamati, capaci di ignorare sistematicamente qualsiasi prova della loro stupidità.
Ogni incontro con queste persone mi definisce per sottrazione, mi spiega cosa non sono e cosa non voglio essere – e non posso farci nulla.
Me ne farò una ragione, ma è sempre più agghiacciante che io, nel mio piccolo, debba considerarmi parte non più di una parte rilevante della popolazione italiana capace di leggere e (spero) scrivere, ma schiacciato e strizzato in una elite sempre più piccola di popolazione raziocinante che, proprio per la elevata capacità di definizione e di analisi, è terribilmente litigiosa, e all’interno della quale è molto più facile trovare differenze che similitudini tra i componenti.

Come si fa a insegnare agli altri a non essere solo loro stessi, ma anche ad abbandonare le piccole differenze quando ce ne sono di ben più significative a pochi click di distanza?
Forse una piccola divergenza di opinioni può essere sintomo di grandi differenze sui temi fondamentali, ma questa ipotesi è sempre mediata da diversi passaggi logici.
Anche senza ignorarli sarebbe bene dare una scala di valore alle differenze, prima di perdere ogni possibile unità tra chi ha gli strumenti e la voglia di ragionare per un progresso che sia pacifico e civile.

E adesso basta filosofeggiare, che mi sono annoiato da solo: da domani ricomincio a scrivere solo racconti! (spero)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...