La mia vita è in privato, dovrò conviverci

Sveglia alle 2:07
Sveglia alle 4:22
Sveglia alle 5:31
Sveglia alle 6:18
Sveglia alle 6:55
Sveglia alle 7:30 mi alzo.
Barcollo in cucina, ingollo una colazione. Intera, compresa la tazza del the.
Barcollo in bagno. Mi lavo.
Mi vesto, più o meno (abbinamenti di colori ultravioletti, camice spiegazzate).
Vado al lavoro.
Nel tragitto penso a storie, menate, seghe mentali.
(lungo intermezzo lavorativo, un po’ noioso, un po’ sfiancante, a tratti stressante o emozionante, con delle alzate di qualità strepitose, ma sempre troppo rare).
Torno a casa, baci abbracci.
Bollette, spesa, organizzazione, decisioni, caldaia & idraulico, dubbi, ansie & speranze, linguacce, sogghigni & risate, girandole varie. Scazzi.
Doccia.
Cena.
Cazzeggio.
Vado a letto. Penso a storie, menate, seghe mentali. Dormo. Ma più piccolo, tipo carattere 4, sottovoce.

Ripetere.

Mi chiedo se ho ancora qualcosa da dire. Vorrei scrivere di più, come sempre, ma ho sempre gente in giro per casa, schiamazzi, incombenze, e io ho bisogno di silenzio e concentrazione e noia per bullizzare con profitto e gioia la tastiera del PC, e cavarne qualcosa.
E invece niente.

La vostra vita invece com’è?